Confine

la sottile linea tra il visibile e l’invisibile che divide i luoghi dell’abitare da quelli ad uso e consumo di una quotidiana contingenza, un confine che si estende e si contrare modificando le ampiezze e le percezioni del paesaggio circostante.

Confine

la sottile linea tra il visibile e l’invisibile che divide i luoghi dell’abitare da quelli ad uso e consumo di una quotidiana contingenza, un confine che si estende e si contrare modificando le ampiezze e le percezioni del paesaggio circostante.